Fare il genitore è difficile, farlo in un quartiere considerato "a rischio" è ancora più difficile. Per questo il Pid ha svolto, dal 2006 al 2008, un servizio di Sostegno alla genitorialità. Lo Sportello d'ascolto nelle scuole dell'obbligo (del Municipio 18 di Roma) ha avuto un riscontro talmente positivo che si era ipotizzato un allargamento anche agli istituti superiori.

Al centro dell'intervento, ovviamente, i minori e i loro bisogni. Per cercare di soddisfarli al meglio, si è lavorato su genitori e docenti, ovvero coloro che della formazione dei minori sono i principali responsabili.

Gli Sportelli d'ascolto in primo luogo mettevano in evidenza (tramite colloqui) i bisogni di insegnanti, genitori e studenti. Gli operatori del progetto hanno quindi mediato la comunicazione tra questi soggetti e facilitato l'intesa tra genitori e docenti, in modo da creare una sinergia realmente favorevole ai ragazzi. In questo modo, per esempio, i genitori hanno potuto seguire il percorso scolastico-formativo dei propri figli. I docenti, invece, hanno potuto ottimizzare il proprio intervento, visto che erano messi a conoscenza delle problematiche relazionali e sociali nelle quali gli alunni erano cresciuti e continuavano a crescere.

Il successo del progetto è soprattutto nei numeri: 23 scuole coinvolte (l'obiettivo dichiarato era di almeno 18), 1262 alunni, 344 docenti, 363 familiari raggiunti dall'intervento. Numeri relativi al solo anno scolastico 2005-2006.

Per offrirti una migliore esperienza di navigazione online questo sito web usa dei cookie, propri e di terze parti. Continuando a navigare sul sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. Scopri di più sull’uso dei cookie e sulla possibilità di modificarne le impostazioni o negare