La ludoteca Centro Anch'io Quartaccio è stata un'esperienza decennale, durata dal 2002 al 2010. Grazie a questo progetto, il Pid ha ottenuto più obiettivi: da un lato, infatti, ha stimolato le capacità dei bambini attraverso forme di gioco e di arte, dall'altro ha favorito una maggiore integrazione tra italiani e stranieri (non solo i bambini, ma anche le famiglie). Il tutto in un quartiere periferico di Roma Nord: la ludoteca era infatti ubicata presso la Scuola Elementare Andersen, nell'allora Municipio XIX.

Le attività erano così organizzate:

  • laboratorio creativo di disegno e pittura

  • laboratorio creativo di falegnameria e materiale di riciclo

  • laboratorio del gioco

  • laboratorio informatico/multimediale

  • laboratorio di musica, canto e danza

  • laboratorio teatrale

  • laboratorio denominato l’angolo della fiaba

  • Attivazione e gestione di una biblioteca

Da una parte, quindi, la ludoteca ha rappresentato per minori a rischio o in situazioni di disagio (reale o potenziale) un'opportunità per conoscere e svolgere attività pedagogiche. Dall'altro, ha migliorato le relazioni di convivenza tra culture diverse, quelle con le famiglie e ha permesso di riscoprire giochi e forme artistiche che correvano il rischio di rimanere dimenticate.

La ludoteca poteva ospitare fino a 50 bambini ed era attiva dalle 16 alle 20. L'orario variava col periodo estivo (in concomitanza con la chiusura dalle scuole), quando le attività cominciavano alle 8 e finivano alle 16.

Per offrirti una migliore esperienza di navigazione online questo sito web usa dei cookie, propri e di terze parti. Continuando a navigare sul sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. Scopri di più sull’uso dei cookie e sulla possibilità di modificarne le impostazioni o negare